LIBRI DA MASTICARE

Alla Radice

Rubrica a cura di Antonello Saiz – libraio e blogger

Alla Radice di Miika Nousiainen, Iperborea è il libro scelto per il mese di Luglio. Tutti odiano andare dal dentista, eppure è proprio da una visita sulla temuta poltrona odontoiatrica che Pekka ha scoperto di avere un fratello maggiore e una sorella, un’altra sorella e un’altra ancora. Questa è la storia di un abbandono, commovente e spassosa, che il finlandese Miika Nousiainen ci racconta nel suo Alla radice, pubblicato in Italia da una casa editrice indipendente esperta di letteratura del Nord Europa, Iperborea, nella traduzione di Marcello Ganassini. Un romanzo che si divora in pochissimo tempo e che risulta essere anche una piacevolissima lettura intelligente ed estiva da ombrellone . Alla radice è un romanzo che scalda il cuore, un racconto on the road bizzarro commovente e spesso esilarante (nella miglior tradizione dell’umorismo finlandese) che fa riflettere sulle origini, sull’identità e soprattutto sul mal di denti. Solo il cognome, Kirnuvaara, sembra accomunare Pekka, vittima di un cronico mal di denti, e il suo nuovo dentista Esko. Pekka è uno spigliato, sensibile e moderno copywriter di mezz’età che non ha mai superato l’abbandono da parte del padre e che ora, con il fallimento del suo matrimonio e una disputa in corso sull’affidamento dei figli, vede infrangersi il suo ideale di famiglia perfetta. Esko, che ha quasi sessant’anni, ha invece preso spunto dai freddi genitori adottivi per elevare l’odontoiatria a filosofia di vita e praticare l’anestesia anche su emozioni e sentimenti. Ma con lo scavo nelle radici dentali di Pekka emergono ben altre, e condivise, radici: dietro lo stesso cognome, si scopre, c’è lo stesso padre. Dopo qualche trapanatura e le prime inevitabili, buffe incomprensioni, la corazza di Esko s’incrina e l’improbabile coppia di fratelli si mette sulle poche tracce che ha di lui, sperando di trovare una buona ragione per una doppia negazione d’amore paterno. Nasce così, in un asettico studio dentistico di Helsinki, una storia on the road calda e coinvolgente, dove ogni tappa verso lo svelamento finale arricchisce la famiglia Kirnuvaara di nuovi, sorprendenti parenti, formando un variopinto amalgama multietnico. Tra incontri e scontri di personalità, siamo scorrazzati dalla Carelia del Nord alle degradate periferie di Södertälje in Svezia, dalla Thailandia, con il suo deteriore turismo, ai grandi spazi dell’outback australiano, sacri agli aborigeni: un viaggio di conoscenza – di sé e del diverso da sé, oltre che del concetto di paternità – che si farebbe quasi iniziatico, se non fosse per le esplosioni di un’insopprimibile verve comica degna della migliore tradizione umoristica finlandese.

 

0 comments on “LIBRI DA MASTICARE

Leave Comment